Crea sito

Controinformo

L’ansia cambia il modo di camminare: i piedi vanno a sinistra

L’ansia cambia il modo di camminare: i piedi vanno a sinistra
gennaio 24
20:00 2016

Quando siete ansiosi vi capita di camminare avanti e indietro nervosamente? Fateci caso: i vostri piedi non seguono una linea retta, ma tendono a spostarsi leggermente verso sinistra. Tutta colpa dei brutti pensieri, che attivano l’emisfero destro del cervello modificando la direzione dei nostri movimenti. Lo dimostra un curioso studio pubblicato sulla rivista Cognitiondagli psicologi dell’Università del Kent, in Gran Bretagna.

I ricercatori hanno chiesto a 80 studenti di camminare in linea retta con una benda sugli occhi. Dopo aver misurato accuratamente la loro traiettoria, hanno provata a metterla in relazione con lo stato emotivo e psicologico, arrivando alla sorprendente conclusione: isoggetti più ansiosi tendono a camminare verso sinistra. Questo comportamento, spiegano gli psicologi, indica una maggiore attivazione dell’emisfero destro del cervello. Da qui, l’ipotesi che i due emisferi cerebrali siano collegati a diversi sistemi motivazionali: il destro potrebbe essere collegato all’inibizione, mentre il sinistro all’approccio.

Questa scoperta potrà forse aiutare gli ansiosi a tornare sulla “retta via”, ma soprattutto potrà avere ricadute sul trattamento di un particolare disturbo della cognizione dello spazio, noto come “negligenza spaziale unilaterale”: le persone che ne sono colpite dopo una lesione all’emisfero cerebrale destro, hanno difficoltà ad esplorare lo spazio che si trova alla loro sinistra e, viceversa, coloro che hanno subìto un danno nella parte sinistra del cervello hanno difficoltà a percepire gli stimoli provenienti da destra. Secondo gli psicologi autori dello studio, i pazienti che hanno problemi nell’emisfero cerebrale sinistro potrebbero trarre qualche beneficio da interventi mirati a liberare il cervello dalle “catene” dell’ansia.

Fonte: aprilamente.info

Autore

Controinformo

Controinformo

Articoli correlati

Controinformo sui Social Network